Exit

La legge e la misura: una visione di Giordano Bruno

Nelle università lo studiano come filosofo, sui libri è definito più spesso “pensatore” e ai suoi tempi è stato bruciato come eretico (ciò che comprende, evidentemente, sia l’una che l’altra cosa). Ma Giordano Bruno era molto di più: diciamo un “viaggiatore dello spazio e del tempo”… […]

Read more Like this post0

Il colore del mondo

«So soltanto guardare le cose, io. E poi cerco di capire. E non capisco. E guardo e cerco ancora. E di nuovo non capisco. Ma non mi stanco mai di guardare, né di cercare, perché non so fare altro. Non so fare proprio nient’altro…»

Read more Like this post0

La memoria: Giordano Bruno e le figure simboliche 3

Il De Umbris Idearum di Giordano Bruno, il testo più specificatamente dedicato all’arte della memoria e di impronta marcatamente magica. Dalla dissertazione sulla natura delle “ombre” e sui concetti di “idee”, all’elencazione delle immagini-guida che costituiscono la parte pratica e operativa del testo. […]

Read more Like this post0

La memoria: Giordano Bruno e le “ombre” 2

Nel De Umbris Idearum Giordano Bruno afferma esplicitamente la natura della sua fede e della sua opera, riconoscendone i fondamenti nella sapienza ermetica classica, tradizionale ed egizia. Le “ombre” cui egli si riferisce è ciò che l’uomo può percepire, e dunque è solo attraverso la visione che Bruno definisce “umbratile” che è possibile arrivare a concepire il mondo così com’è, e cioè nella sua essenza. […]

Read more Like this post0

La memoria: il riflesso dell’universo 1

Se gli archetipi, nella loro forma prima, sono irraggiungibili dalla mente ordinaria, è però possibile risalire ad essi attraverso le catene associative e le corrispondenze, che rappresentano per il mago il linguaggio attraverso cui Dio esprime se stesso e, contemporaneamente, si rende comprensibile all’uomo. Qualche suggestione sull’Arte della Memoria. […]

Read more Like this post0

Shakespeare e Giordano Bruno: un magico incontro

Esistono “nodi” della storia che non riguardano guerre, rivoluzioni, carestie o trattati sovrani. Che non esaltano dinastie o popoli, ma che si dipanano magari nel silenzio di una stanza, nell’incontro tra due cuori autentici. E, talvolta, trasformano ben più della politica.

Read more Like this post0
Close
Go top